<< home page


Oasi Costa d'Amalfi

hotel

Via S. Caterina, 6 - Località Tovere

84011 Amalfi - SA

           
Tel
089831043 - Fax 089831043 - Cell 3495386315

                                

www.oasicostadamalfi.it


Richiedi la disponibilità

e la tua offerta personalizzata

direttamente alla struttura

>> cosa dicono i clienti <<



 

Di tutti i paesi al mondo, nessuno possiede la stessa incantevole magia della Costa d’Amalfi, un binomio di mare e monti, ricco di baie ed insenature, spesso accessibili solo dal mare, che non a caso è sempre stata la prediletta non già di turisti, ma di “viaggiatori, di coloro che, dotati di un particolare senso estetico, ne apprezzavano le bellezze naturali ed artistiche, la varietà del paesaggio e la genialità del popolo. La straordinaria posizione geografica e l’architettura tanto semplice quanto minuziosa fanno di questa struttura un vero e proprio gioiello aggrappato su uno dei più sublimi tratti della Costa d’Amalfi, trovandosi nel cuore della Costa Divina, tra Amalfi , Conca dei Marini, Praiano e Positano. Un vero e proprio paradiso ancora sconosciuto al turismo di massa; un terrazzo naturale aperto sul mare dal quale si gode uno scenario pari solo all’immaginazione di un poeta; un’oasi rara e preziosa per gli amanti dello charme e del relax; un eremo incastonato nella roccia e sospeso sul mare in cui soggiornare per immergersi in un bagno sublime di silenzio contemplativo.Un luogo che lascia nella memoria di ogni visitatore il luccichio del mare, l’intenso profumo della selva mediterranea e i carezzevoli colori dei giardini. Situata tra il cielo e il mare, in una graziosa frazione di Amalfi, nella cornice di un’incantevole panorama invita una vacanza all’insegna dell’armonia e della riscoperta. Dell’armonia, per la pace, il silenzio e la bellezza ristoratrice di cui la struttura e l’intero paese è investito; della riscoperta, per gli innumerevoli sentieri, per la storia, per le bellezze floro – faunistiche . Ogni tornante, ogni angolo permette di scoprire nuovi aspetti, suscitando nel turista nuove, continue e diverse emozioni, date dall’ambiente straordinariamente tranquillo senza però rimanere mai desolato che fa vivere quest’area come luogo di salute e di relax e soprattutto offre un suggestivo paesaggio scenografico, sintesi ed esaltazione della realtà mediterranea.
Il territorio è fortemente ripido ed in alcuni tratti precipita a mare con pendenze fortissime, strapiombi e rupi scoscese, conoscendo in alcuni punti dove la natura è quasi completamente incontaminata. La peculiarità del territorio, con la sua orografia naturale che degrada lungo il versante meridionale dei Monti Lattari (di cui l’isola di Capri è la continuazione geologica) sino alla costa, tra valloni e corsi d’acqua, ne fa una risorsa di inestimabile interesse naturistico (la rivista National Geographic l’ha posta in cima alla classifica dei luoghi da visitare almeno una volta). L’ecosistema naturale ed originario è ancora presente nei valloni. Si rinvengono ancora oggi rare associazioni di vegetali delle specie dell’era terziaria: felci termofile Pteris Cretica e Pteris Vittata, oltre alla più nota Woodwardia radicans che sopravvive sul continente europeo solo nella Valle delle Ferriere e in quella del Fiordo di Furore .
Varcato gli ingressi della struttura “Oasi Costa d’Amalfi” si può percorrere il sentiero “Maestra dei Villaggi”, antica via di comunicazione commerciale che da Punta S. Lazzaro arriva nel comune di Amalfi, toccando Tovere, Vettica o il Sentiero degli Dei”, che permette di scendere da Agerola a Positano, toccando alcuni dei valloni più selvaggi della Costa d’Amalfi. Per camminare, gli escursionisti arrivati da ogni parte d’Europa – abbondano inglesi, olandesi e svizzeri, ma i più numerosi sono i tedeschi – percorrono i “sentieri scoscesi che a volte attraversano delle caverne” raccontati nel 1911 dall’inglese
Norman Douglas nel suo libro La terra delle Sirene. Tra i “sentieri scoscesi” di Douglas, oltre a quelli del Vallone delle Ferriere, spiccano per ambiente e panorami il viottolo che si abbassa da Termini alla Punta Campanella, dove il sole a gennaio tramonta dietro ai Faraglioni di Capri, le scalinate tra gli aranceti che collegano Amalfi con Ravello.


© ItaliaDream - Tutti i diritti sono riservati

I nostri siti:

www.italiadream.it - www.italiadream.com